Logo UniTrento
 
Trento
11 Settembre 2019

ICT Days Summer Camp: ecco i quattro team vincitori

Datascience: una cinquantina di studenti e studentesse delle superiori alla scoperta delle professioni informatiche del futuro. Concluso ieri sera con le premiazioni dei migliori progetti il programma di Alternanza scuola lavoro promosso dal DISI dell’Università di Trento, in collaborazione con Hub Innovazione Trentino, Agenzia del Lavoro della Provincia autonoma di Trento e rete STAR. Al lavoro sui casi aziendali di Engineering, Spazio Dati, Thinkinside, U-Hopper per sperimentare le proprie competenze informatiche e allenarsi a lavoro di gruppo e problem solving

Giovani talenti del datascience premiati ieri al Clab di Piazza Fiera a Trento per la seconda edizione dell’iniziativa ICT Days Summer Camp, il percorso di alternanza scuola-lavoro dedicato alle professioni del futuro e promosso dal Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’Informazione dell’Università di Trento, in collaborazione con Hub Innovazione Trentino, l'Agenzia del Lavoro della Provincia autonoma di Trento e la rete STAAR. Partner dell’evento le aziende Engineering, Spazio Dati, Thinkinside, U-Hopper. Una settimana intensa di lavoro, creatività e analisi di casi aziendali iniziata lo scorso 3 settembre per una cinquantina tra studenti e studentesse delle classi terze, quarte e quinte degli istituti superiori del Trentino, che si è chiusa nella serata di ieri con le premiazioni dei team migliori. Quattro le sfide (“challenge”) poste da altrettante aziende del territorio: casi concreti su cui mettere alla prova la capacità di risoluzione problemi, la creatività e l’abilità informatica dei partecipanti.
A vincere la seconda edizione sono stati il team BusBoss per la sfida "Real Time Transport" lanciata da U-Hopper; il SecurityTeam per la sfida "A prova di hacker" lanciata da SpazioDati, il team WorkInProgress per la sfida "Lavoro 4.0" lanciata da Trentino Lavoro, pagina di Agenzia del Lavoro in collaborazione con Engineering, Wonderparks per la challenge "RiParco da Trento" lanciata dal progetto ICE Università di Trento. Menzioni speciali sono state poi assegnate dalla giuria anche alla presentazione più efficace, quella del team GGroup, al miglior lavoro di gruppo al team Hubus. Per quanto riguarda invece l’aspetto tecnico, la miglior demo sviluppata è stata quella del Security Team, il report tecnico più completo quello del gruppo BusBoss, mentre il premio per l'utilizzo più creativo di dati e strumenti va al team WorkInProgress.
Scopo dell’iniziativa, avvicinare studenti e studentesse delle scuole superiori alle professioni del futuro che saranno sempre più caratterizzate da una richiesta di profili qualificati nell’ambito dell’informatica e delle tecnologie dell’Informazione e della comunicazione. Non solo ingegneria dei software, però, le professioni informatiche del futuro richiederanno abilità trasversali. Sarà importante saper coniugare conoscenze e competenze di ambiti diversi: dall’economia alla sociologia, dalle scienze all’ingegneria. Con queste premesse è stato disegnato il percorso di alternanza scuola-lavoro proposto dal DISI per il secondo anno consecutivi. Ai ragazzi e alle ragazze è stato proposto di lavorare in gruppo su casi concreti, integrando elementi di programmazione (analisi statistica, data mining, machine learning, calcolo distribuito) a competenze trasversali come il problem solving e la capacità di comunicazione. Compito dei partecipanti era quello di progettare e realizzare un’attività di analisi dei dati raccolti dalle varie aziende. Gli studenti hanno progettato l’intero flusso informativo, lavorando insieme per 40 ore, con momenti di formazione, analisi dei dati, incontro con i rappresentanti delle aziende e attività di gruppo sotto la guida di mentor ed esperti.
Data Science. Il termine è stato coniato nel 2001. Oggi indica un vasto spettro di competenze quali l'analisi statistica, il data mining, il machine learning, il calcolo distribuito. Secondo un report di Linkedin del 2017, le competenze di Data Science sono fra quelle più richieste nel mercato del lavoro globale. Le soluzioni hardware, software e i servizi professionali di raccolta, gestione e analisi dei dati, stima Sns Research, muovono oggi un mercato da oltre 57 miliardi di dollari che è destinato a superare i 70 miliardi nel 2020. Un'espansione che sta coinvolgendo sempre più aziende, a prescindere dal settore e dalla dimensione. Ed è proprio questo boom dei big data che sta facendo impennare la richiesta di professionisti in grado di dare ordine, logica e senso alle informazioni.

(a.s.)