Logo UniTrento
 
Trento
25 Maggio 2018

“People mover”: una settimana internazionale @UniTrento

Una trentina di funzionari europei esperti di mobilità internazionale a Trento per confrontarsi e sviluppare competenze. Focus sul modello dell’Ateneo trentino nella gestione dei servizi agli studenti, nell’accoglienza e nel reclutamento internazionale. Seconda edizione della Staff Training Week, la settimana di aggiornamento prevista dal programma europeo Erasmus+ per la formazione continua dei dipendenti di atenei e istituti di ricerca

Sono una trentina, provengono da ogni parte d’Europa e si sono dati appuntamento in questi giorni all’Università di Trento per una settimana di formazione sul campo: sono i funzionari e le funzionarie che nelle università si occupano di scambi e mobilità internazionale. Sono loro che, dietro le quinte, gettano le basi per far crescere le tante collaborazioni internazionali che sono il sale della ricerca e arricchiscono le università, rendendole sempre più aperte ed efficienti. E sono sempre loro che rendono possibili e utili le trasferte all’estero di tanti studenti e studentesse. Ma per lavorare bene nel settore delle relazioni internazionali c’è bisogno di competenza e aggiornamento continuo. A questo è stato dedicato un programma Erasmus+ specifico (detto “Staff Training Mobility”) rivolto ai dipendenti degli atenei e degli istituti di ricerca europei. Il progetto punta a creare opportunità di network, condividere best practices e sviluppare competenze in un contesto internazionale.
La settimana all’Università di Trento, che si conclude oggi, è stata scandita da presentazioni e momenti di lavoro congiunto sui temi della mobilità internazionale, del reclutamento e della gestione dei corsi internazionali. Focus anche sui vari servizi dell’Università di Trento dedicati agli studenti (ad esempio, gestione dei bisogni speciali, offerta sportiva). Uno spazio è stato anche riservato all’approfondimento della cultura italiana: dall’importanza data al cibo non solo come nutrimento, ma anche come consolazione, occasione di ritrovo, di festa; fino alle diverse usanze rispetto ad altri Paesi. Aspetti che aiuteranno i colleghi degli altri Paesi europei a capire e accogliere al meglio gli studenti italiani. Accolti dal rettore Paolo Collini, gli ospiti degli atenei stranieri hanno avuto occasione durante la settimana di apprezzare anche le bellezze del Trentino.
Molto varia la provenienza dei funzionari europei che hanno raggiunto Trento da: Catalogna, Lettonia, Lituania, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna. Alcuni di loro venivano persino da Tunisia, Vietnam e Guyana francese. 

(a.s.)