Logo UniTrento
 
Trento
17 Aprile 2018

La Legione Cecoslovacca

È online la puntata di aprile del calendario digitale La Grande guerra + 100

Puntata monografica questo mese per il calendario digitale “La Grande guerra + 100”, giunto alla 48esima uscita. Argomento centrale sono le vicende della Legione Cecoslovacca, operativa sul fronte francese, in Russia e in Italia. La Legione era costituita da fuoriusciti cecoslovacchi e soprattutto da ufficiali e soldati dell'esercito austro-ungarico fatti prigionieri dall'Intesa. Molti erano i disertori, anche se l'azione volontaria della diserzione non sempre è distinguibile dall'arrendersi senza combattere. Molti erano nazionalisti desiderosi di dare un contributo alla costituzione di uno Stato nazionale; altri si adattarono alle circostanze. Con il loro apporto sono state costituite unità militari ingenti, ben addestrate, che gli Alleati avevano però un certo timore a impiegare in prima linea. Si diffidava della loro piena fedeltà e soprattutto si temeva che, catturati (soprattutto sul fronte italiano) fossero immediatamente giustiziati come disertori, come avvenne nell'estate del 1918 sul Piave.
La tavola di aprile – realizzata con la tecnica del collage – è dedicata alla morte di Manfred von Richthofen, il “Barone rosso”, considerato l’asso degli assi, che venne abbattuto sul fronte francese il 21 aprile di cento anni fa.
Il calendario digitale La Grande guerra + 100 è un’iniziativa del Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento, sotto la direzione scientifica di Gustavo Corni. Il progetto è cofinanziato dalla Fondazione Caritro, dal Dipartimento di Lettere e Filosofia dell'Università di Trento e – da marzo 2015 – dal programma europeo “EACEA – European Citizenship”.
La puntata di aprile è stata realizzata anche in collaborazione con il CEDOS, Centro di Documentazione sulla Grande guerra di S. Polo di Piave.
(e.b.)
Il calendario digitale si può seguire sul sito www.lagrandeguerrapiu100.it
La Grande guerra + 100 è anche su Facebook (La Grande Guerra più 100) e su Twitter (https://twitter.com/GGpiu100)