Logo UniTrento
 
Rovereto
10 Febbraio 2017

Pavani premiato dalla Fondazione Medisite per le sue ricerche sulle persone portatrici di impianti cocleari

Premio di ricerca francese per Francesco Pavani, direttore del programma di dottorato in “Cognitive and Brain Sciences” del Centro interdipartimentale Mente/Cervello (CIMeC) dell’Università di Trento.

Pavani, infatti, ha ricevuto il premio Neuroscience 2016 della Fondazione Medisite che, creata nel 2014 sotto l'egida della Fondation de France, intende sostenere i gruppi di studiosi impegnati nelle neuroscienze, nella ricerca di base come in quella clinica.
La cerimonia si è svolta nei giorni scorsi a Parigi nella Soirée Recherche Médicale della Fondation de France, al Collège de France. Il premio è stato attribuito a Francesco Pavani insieme a Alessandro Farné (direttore di Ricerca presso il Centre de Recherche en Neuroscience de Lyon) per il loro lavoro scientifico sulla localizzazione della fonte sonora nelle persone portatrici di impianti cocleari, ovvero le neuroprotesi che consentono un recupero parziale dell’udito in coloro che soffrono di sordità profonda.
«Il nostro progetto – spiega Francesco Pavani – vuole sviluppare degli approcci innovativi per migliorare la percezione spaziale dei suoni nelle persone portatrici di impianti cocleari, ma anche in altre persone con deficit dell’udito, compresi coloro che soffrono di una perdita dell’udito legata  all’invecchiamento».
Il contributo scientifico specifico di Pavani riguarda le sue competenze sulla percezione uditiva e multisensoriale così come nel campo della sordità, della plasticità del cervello e degli impianti cocleari. «L’obiettivo della nostra ricerca – sottolinea – è migliorare la capacità di “mappatura” dello spazio uditivo nelle persone con problemi d’udito, e mettere a punto delle strategie di riabilitazione per aiutare a percepire meglio la scena acustica. Stiamo anche lavorando ad un dispositivo di facile usabilità che possa essere utilizzato per questi scopi in contesti clinici».
(e.b.)